⭐ Il mistero fisico/chimico della goccia d’acqua ⭐

 

Clicca Sull'Icona E Condividi L'Articolo Sul tuo Social NetWork 😉

Oggi rispondo alla domanda che maggiormente mi fate via Messenger: Come fanno le gocce ad essere cosi sferiche e a riflette internamente il soggetto che sta alle loro spalle.

Per chiarire il dubbio (usando in futuro questo post con chi lo chiederà nuovamente) vi posso dire che si tratta di un fenomeno comunissimo, ora vi parlo di fisica / chimica dei fluidi.

 – Intanto chiariamo perché’ le gocce sono cosi sferiche:

Il fatto che la goccia che vediamo sia sferica è merito di una caratteristica che hanno i liquidi, chiamata comunemente “tensione superficiale”. Questa “tensione superficiale” avviene per la forza di coesione fra molecole.
Ma perché’ questa forza di coesione rende sferica la goccia e non piatta ???

Semplicemente per il motivo che abbiamo le molecole all’interno del liquido (o della goccia) che si attraggono una alle altre da tutte le parti, quindi si appiccicano tra loro senza un vero senso geometrico e ordinato, mentre (attenzione qui) quelle poste sulla superficie della goccia o del liquido sono attratte solo dalle molecole sottostanti, ( chiaro il senso?? sopra non ce ne sono di molecole) e venendo quindi richiamate verso le più basse sono di conseguenza richiamate verso il centro della goccia. Così facendo la goccia assume una forma sferica, poiché tutte le molecole superficiali in ogni direzione sono attratte verso il centro da direzioni differenti.
Attenzione!!! Tutto ciò fino a quando non si rompe il legame tra le molecole, cosa che avviene quando la forza o meglio il peso delle stesse supera la forza di tensione superficiale che le spinge o attrae verso il basso. Ecco perché’ più piccole sono le gocce più’ sono perfettamente sferiche.

 – Spiegato il concetto di sferico, ora spieghiamo perché’ all’interno si vede ciò che sta dietro alle gocce.

Intanto c’è da dire che il riflesso dentro una goccia lo si vede bene se la goccia ha una buona sfericità. Questo perché’ la luce che passa nella goccia deve entrare in modo ordinato e uscire sempre in modo ordinato. Non per niente una goccia ovale o appiattita non genera in sé un riflesso pulito nitido e a fuoco.
Le gocce d’acqua si comportano né più né meno come delle lenti di vetro o plastica, dove la densità di cui sono composte permette alla luce di attraversare. (la luce che le attraversa non e’ altro che il riflesso di CIO’ che sta dietro a loro)
Pensate per un secondo ad una bolla di sapone, avete mai visto una bolla di sapone che fa l’effetto lente di vetro riproducendo i soggetti alle loro spalle?? No, al massimo in una bolla ci si può’ specchiare ma frontalmente. Questo perché’ internamente la bolla di sapone ha un gas ( in questo caso l’aria ) e il gas non ha una densità tale da permettere alla luce di essere convogliata in un punto di FUOCO.
L’acqua, il vetro, la plastica ecc, hanno la facoltà di convogliare la luce in un punto di fuoco che per i fotografi è “la messa a fuoco di una lente”.
Il bello della goccia d’acqua sta nel fatto di essere per natura una lente a focale fissa che cattura ciò che le sta attorno con un angolo di 180° (una bella lente fisheye) 😉

Spero di essere stato il più chiaro possibile soprattutto per quelli che ancora oggi mi chiedono se USO PHOTOSHOP PER INSERIRE COME FOTORITOCCO I FIORI DENTRO LE MIE GOCCE.

Sotto alcuni esempi di piccole gocce sferiche con il loro riflesso interno. (sembrano grandi ma sono piccolissime) 😉

#macro #makro #macrophotography #macrofotografia #bokeh #fotografia #artista #fotografo #arte #art #italy #artist #treviso #Nikon

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares