Consociamo meglio il nostro amico Mr. Treppiedi

 

Clicca Sull'Icona E Condividi L'Articolo Sul tuo Social NetWork 😉

Per quanto mi riguarda, è sempre con me e non mi vergogno a dirlo che lo uso indifferentemente sia donna uomo o animale il mio compagno d’avventura.
Non ne faccio a meno neppure in fugaci e occasionali momenti pubblici, anche se difficoltoso da sistemare con la gente che ti osserva, ti urta e t’innervosisce mentre lo sistemi per benone, stando attento a non pizzicarti.
Senza… il rischio è troppo alto e dopo tanti anni rischiare proprio non mi va.
E voi lo usate oppure no ? STO CAVOLO DI TREPPIEDE 😉

Frequentando diversi gruppi dedicati alla fotografia mi capita spesso di intrecciare dialogo con svariati utenti su argomenti di vario genere, uno di questi in particolare riguarda la fotografia indoor e outdoor con domande che spesso suonano cosi:
– Mario, tu preferisci uscire a fotografare con qualcuno o da solo?
– Hai piacere nel portarti dietro un aiuto?
– Senti mai la necessità di poter contare su un sostegno specialmente durante la realizzazione di un set per la macro fotografia?

A queste domande come ad altre simili non posso che rispondere con un SI, precisando che aiuto e sostegno mi è dato da: Mr. Treppiedi e Mr. Scatto Remoto.

Consociamo meglio il nostro amico
Mr. Treppiedi

Sia chiaro non voglio vendere nulla ne fare pubblicità a una marca al posto di un’altra, cerco solo di chiarire ai più perché’ secondo me usare il treppiedi è sempre fondamentale in fotografia. (di notte come di giorno).

Non so a voi ma mi capita con una certa frequenza di leggere post dove l’autore tende a mettere in luce il tal modello di foto camera, di ottica o di filtri aggiuntivi, come se questi fossero gli unici elementi necessari per realizzare ogni tipo di fotografia. Non mi è mai capitato di leggere in nessun post: Wow questa meravigliosa fotografia l’ho realizzata grazie al mio Treppiedi ! hahahahaahah 😉

In questi post poi trovo una cosa particolare che m’incuriosisce parecchio, cioè “tempi lunghissimi come esposizione” e qualcosa mi fa intendere che forse per la realizzazione della foto c’è stato l’aiuto di mr treppiedi. Analizzando la foto, e partendo dal presupposto che la stessa è stata realizzata con: tempi lenti, diaframmi chiusi e addirittura il F. stacking di diverse pose, posso tranquillamente pensare che senza l’utilizzo del treppiedi non sarebbe stato possibile lo scatto.

Perciò trovo corretto ricordarsi di lui citandolo nella nostra descrizione assieme a fotocamera ottica e filtri, cosi che l’informazione possa essere utile a qualcun altro che vuole riprodurre lo scatto. (Io stesso mi dimentico spesso citarlo nei miei post)

Da pecora nera della categoria mi permetto di dire che senza il treppiede NESSUNA DELLE MIE FOTO SAREBBE MAI STATA REALIZZATA. Non importa quale foto camera, ottica o filtro avessi al momento dello scatto….. so solo che senza il treppiedi non si sarebbe mai potuta fare la foto.

Quindi, iniziamo con il dare la giusta importanza a quest’accessorio, ma soprattutto ad utilizzarlo per quello che è, poiché spesso non si sa come utilizzare questa attrezzatura e diventa più’ un intralcio che un serio aiuto.

Per citare alcuni casi un po’ particolari (ma non scontati) vi posso confermare che ho visto fare di tutto con il treppiedi tranne che usarlo per scattare una fotografia.
L’hanno usato per:
– appenderci lo zaino così che non toccasse terra e si sporcasse o non fosse di peso sulla schiena durante lo scatto
– usato come macete/ascia per togliere le erbacce lungo le rive per fotografare poi a mano libera.
– usato come apri bottiglia per la birra (Un mito sto ragazzo, 250 euro di treppiede e lui ci apriva le bozze della Ceres sulla piastra della testa a sfera)
– addirittura ho visto chi lo usava come asta per selfie con la reflex ( Neppure i cinesi arrivano a tanto!!! )

A questo punto non dimentichiamo che in abbinata al treppiedi c’è anche l’amico Mr Scatto remoto, che ci salva da quel leggero mosso dovuto all’eccessiva pressione del pulsante di scatto, ma soprattutto diventa indispensabile se vogliamo da soli articolare un set un po’ particolare, dove ci serve stare ad una certa distanza dalla foto camera per poter scattare la nostra foto.

Amici, i treppiedi moderni pesano poco e sono poco ingombranti, hanno prezzi accessibili a tutti e si trovano modelli per tutti i gusti. Quindi abituatevi a usare quella tracolla che vi hanno venduto con lo zaino fotografico, quella proprio dedicata al trasporto del vostro treppiedi e non dite che è peso in più, poiché’ potete sempre lasciare a casa la lattina della birra …… al posto del treppiedi 😉

Anche se è giorno e pieno sole, per fotografare un paesaggio, per ritrarre una persona o semplicemente un fiorellino, il treppiedi è fondamentale nel sostenere la vostra creatività.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares