Gocciolatoio “made” in casa.

 

Clicca Sull'Icona E Condividi L'Articolo Sul tuo Social NetWork 😉

Costruire un gocciolatoio da utilizzare per le vostre fotografie con i giochi d’acqua è abbastanza facile. L’unica cosa che dovete decidere prima di mettervi all’opera è quanto alto lo desiderate e soprattutto se deve essere trasportabile.

Ovviamente ci sono 1000 modi differenti per realizzare il “vostro” gocciolatoio fatto in casa, in questo articolo vi illustro i materiali e l’idea che ho avuto per realizzare il mio. Il Gocciolatoio che uso da qualche mese l’ho costruito pensando di poterlo trasportare comodamente anche all’aperto e che fosse anche regolabile in altezza.

Quindi mi sono guardato attorno e cercando tra vecchie cose in garage e in magazzino mi sono assemblato il mio gocciolatoio. Per la realizzazione ho usato:

  • Un vecchio Treppiede in alluminio ( recuperato da un porta lampade da cantiere )
  • Conchiglia diffondi luce ( presa da una lampada da officina )
  • Braccio di supporto ( realizzato con filo metallico spesso )
  • Flebo completo ( acquistato in farmacia )
  • Recipiente (Bottiglia di soluzione fisiologia)

La struttura e molto stabile e allo stesso tempo una volta richiusa può essere trasportata ovunque. L’utilità di realizzare il gocciolatoio che si alza e si abbassa sta nella possibilità di regolare l’altezza del rimbalzo, in più grazie al braccio mobile lateralmente si può decidere il punto di caduta della goccia senza spostare tutta la strutta. Con questo ” accessorio ” ho realizzato alcune foto di rimbalzo che posto anche qui sotto.

 

Rimbalzi – Mario Nicorelli
Rimbalzi – Mario Nicorelli
Rimbalzi – Mario Nicorelli
Rimbalzi – Mario Nicorelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

shares